Benvenuto caro lettore in questo articolo di Praticheroma con argomento “CILA“.

Se stai leggendo qui probabilmente devi effettuare dei lavori e hai bisogno di presentare la Comunicazione Inizio Lavori Asseverata(C.I.L.A.) . Lo studio tecnico Praticheroma è specializzato in comunicazioni cila Roma con tempi rapidi garantendo sempre la massima professionalità con prezzi convenienti e competenti nel mercato.

Lo studio è situato in Via Poggio Ameno 96 e il nostro servizio cila, con tecnici altamente specializzati e professionali, è effettuato in tutto il Comune di Roma e Provincia.

Indice articolo “CILA”:

CILA
CILA comune di Roma

Che cosa è la cila?

La CILA acronimo di comunicazione inizio lavori asseverata è stata introdotta nel 2010 con la legge n.73.

Inserita nella normativa edilizia ha lo scopo di rendere più semplici le autorizzazioni ed i permessi necessari nell’ edilizia libera.

Il vantaggio rispetto a prima dell’introduzione è che, grazie alla CILA , una volta ottenuto il protocollo dal Comune di Roma, i lavori possono iniziare già il giorno dopo.

Lavori e opere per cui serve la CILA?

Le opere neccessitano di cila per poter iniziare sono quelle definite nel testo unico dell’edilizia D.P.R. 380 del 2001, e sono quei lavori di manutenzione straordinaria.

La comunicazione cila viene presentata la maggior parte delle volte per ristrutturare un’abitazione, negozio o un laboratorio, non a caso, con la CILA si può autorizzare lo spostamento delle pareti interne purchè non sia strutture portanti( in questo caso dovrai richiedere la SCIA).

Per una lista più dettagliata o per richiedere la tua CILA, puoi andare al seguente link.

A titolo di esempio ecco un elenco di alcuni lavori che richiedono la CILA:

  • Modifica degli spazi interni ovvero lo spostamento di pareti divisorie non portanti;
  • Spostamento cucina e costruzione dell’angolo cottura in soggiorno.
  • Apertura, chiusura e spostamento di porte ed infissi interni;
  • Rifacimento impianto elettrico;
  • Ristrutturazione bagno;
  • Creazione di nuovi vani interni;
lavori cila
Lavori che richiedono CILA

Chi presenta la CILA?

Dal proprietario dell’immobile ed un tecnico incaricato come progettista asseverante.

Requisiti del tecnico:

Per potere presentare la pratica edilizia è necessario il possesso di firma digitale da parte del tecnico. Il progettista si occupa della compilazione online di tutti i moduli richiesti dal comune di Roma, delle asseverazioni e di allegare i grafici di progetto.

La nostra offerta CILA a Roma

Grazie alla nostra esperienza maturata grazie a passione per l’edilizia e anni di lavoro.

Riusciamo a garantire un prezzo contenuto della comunicazione inizio lavori asseverata. I nostri costi partono da un prezzo base di euro 400, MA, ESSENDO COMPETENTI, diamo preventivi precisi una volta analizzato il contesto.

Se hai bisogno anche di variazione al catasto insieme alla pratica edilizia, puoi leggere il nostro articolo sull’argomento CILA+VARIAZIONE CATASTALE. O puoi sempre contattarci in ogni momento.

Se hai bisogno di una Comunicazione Inizio Lavori in tempi brevi, puoi contattarci o leggere il nostro articolo per il nostro servizio CILA ROMA VELOCE.

recapiti studio tecnico geometra

Dove presentare la comunicazione inizio lavori asseverata a Roma?

Le comunicazione CILA si devono spedire obbligatoriamente online attraverso la piattaforma SUET.

Il SUET(sportello unico edilizia telematico) riceve la richiesta della cila e rilascia la ricevuta di protocollo utile per poter iniziare i lavori.

Tempi scadenza C.I.L.A.?

Una volta ottenuto il protocollo la cila dura tre anni.

Prima della fine di questo lasso temporale bisogna presentare il fine lavori della comunicazione al comune di Roma.Questo per evitare la decadenza del titolo stesso.

C.I.L.A. per DETRAZIONI FISCALI ristrutturazioni

La pratica CILA a Roma è obbligatoria per poter usufruire delle detrazioni fiscali al 50% per ristrutturazione, infatti per un tetto massimo di € 96.000,00 è possibile portare in detrazione la metà di quanto speso in 10 anni.

Riguardo ad alcune delle principali detrazioni fiscali in vigore, può esserti utile leggere il nostro articolo a riguardo.

Sanzioni CILA in Sanatoria:

Dall’art. 6 comma 7 del DPR n. 380/2001.La mancata comunicazione dell’inizio lavori, ovvero, la mancata trasmissione della relazione tecnica,comporta il pagamento di una sanzione pecuniaria. E dovrai richiedere la CILA in SANATORIA.

Ecco l’articolo: CILA in SANATORIA

Requisiti igienico sanitari da rispettare nel progetto richiedente una CILA.

Per poter presentare la CILA dovrai tener conto di alcuni requisiti strutturali .

Il regolamento d’igiene comunale chiarisce in maniera dettagliata cosa è possibile fare e con quali dimensioni. Ecco alcune delle direttive da rispettare in ogni fase progettuale.

  • Stanze da letto non inferiori a 9,00 metri quadri;
  • Cucina non inferiore a 15,00 metri cubi;
  • Superfici finestrate delle stanze superiori ad 1/8 della superficie calpestabile;
  • Si possono fare Bagni senza finestre purchè con aerezione forzata;
  • l’altezza interna non può essere inferiore a 2,70 metri lineari solo in determinati luoghi abitativi
  • E cosi via…

Altre informazioni utili per comunicazione inizio lavori:

1)Presentazione di fine lavori di una CILA al suet di Roma

Il tecnico incaricato come progettista nel suo portale suet avrà a disposizione, come anche il capofila una timeline, che indica il termine ultimo per presentare il fine lavori e collaudo della cila.

La documentazione richiesta per presentare i fine lavori della C.I.L.A. è la seguente:

  • la variazione catastale, con la ricevuta di avvenuta registrazione e la planimetria catastale. La procedura DOCFA più comune usata dopo una cila è la diversa distribuzione spazi interni;
  • il formulario di avvenuta consegna dei rifiuti a discarica autorizzata, solo se nella comunicazione inizio lavori erano previste opere di demolizione e ricostruzione;
  • l’attestato di prestazione energetica, se l’intervento riguarda opere di riqualificazione energetica( Vedi anche ECOBONUS)

2)C.I.L.A. e pareri ad enti, sovrintendenza capitolina e Roma natura

Per le opere rientranti in C.I.L.A. solitamente non bisogna presentare nessuna richiesta di parere preventivo. Questo perchè i lavori interni in una casa non necessitano di nulla osta.

Se l’immobile sul quale si sta lavorando ricade in area vincolata ed è obbligatorio avere un nulla osta è possibile richiederlo direttamente dal SUET.

Se la C.I.L.A. è in fase di esecuzione prima di riprendere i lavori bisogna attendere il nulla osta a procedere.

Diversamente, nella CILA a sanatoria  il perfezionamento della pratica si potrà dire concluso al rilascio del parere dall’ente interessato.

3)Variazione catastale a seguito di Comunicazione Inizio Lavori

Se nei lavori di ristrutturazione della casa è previsto lo spostamento di tramezzi interni (non su strutture portanti), è obbligatorio presentare con la comunicazione di fine lavori, la variazione catastale.

L’aggiornamento della planimetria catastale è infatti richiesto dall’agenzia delle entrate ogni volta che si modifica la planimetria catastale presente negli archivi del catasto.

A titolo di esempio ecco alcuni lavori che necessitano di variazione catastale:

  • si costruisce un secondo bagno
  • si crea un angolo cottura sostituendo la vecchia cucina
  • Si fa una camera o cameretta in più
  • Si vuole installare una cabina armadio in camera

Quanto sopra scritto sono solo degli esempi, non esaustivi, ma abbastanza completi di quando risulta obbligatorio comunicare la nuova planimetria catastale dopo la ristrutturazione della casa.

Se avete la necessità di procedere a nuovi tipi progettuali in sostituzione degli originali, la procedura più corretta è quella di inviare una comunicazione formale con allegati i nuovi disegni. 

5)Varianti a Comunicazione Inizio Lavori:

Secondo la nuova legge nazionale non è possibile fare una variante in corso d’opera se non con SCIA, DIA o PdC.

Questo significa che se in opera sono state fatte delle variazioni significative, bisogna fare una NUOVA CILA pagando per intero i diritti di segreteria. La vecchia CILA può essere abbandonata senza richiesta di eliminazione;


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!