Lavori in econimia Cila a Roma

Lavori in economia con la cila senza nomina di un impresa esecutrice

lavori in economia con la cila a roma
lavori senza impresa con la cila

Buona giornata e benvenuti cari lettori, questo è un articolo del sito praticheroma oggi tratterò l’argomento “i lavori in economia con la Cila a Roma” visto e considerato il livello di l’attinenza con le frequenti domande poste dai lettori o clienti, tratterò l’argomento cruciale Impresa e direttore dei lavori nella comunicazione Cila.

Spesso mi capita di dover rispondere alle seguenti domande: “Sig. Geometra è possibile presentare la cila senza comunicare l’impresa esecutrice? o “è possibile comunicare nella cila che i lavori verranno realizzati in economia?” “E’ obbligatorio incaricare il direttore dei lavori con la Cila?”

In questo articolo tratterò l’applicabilità della Cila a Roma in riferimento a due figure “l’impresa e il direttore dei lavori” che per il committente o cliente possono costituire un buon margine di risparmio in termini economici: è possibile dichiarare che si effettuano lavori in economia con la Cila senza menzionare l’impresa?

Riguardo alla direzione lavori, dato che il nuovo modulo prevede che questi possa non essere nominato, è obbligatorio o no? con questo articolo voglio cercare di darvi più risposte possibili e in modo chiaro.

Questo articolo è per tutte le persone che giustamente per necessità o per praticità non hanno l’interesse data la modesta entità delle opere di corrispondere una ulteriore parcella per una direzione dei lavori o di retribuire terze persone per i lavori edili, in quanto per praticità e convenienza decidono di farli in prima persona come lavori in economia con la cila a Roma.

Gli interventi edilizi che interessano la ristrutturazione di un appartamento nonché riconducibili nella manutenzione straordinaria e quindi rientranti nell’edilizia libera possono essere realizzati previa comunicazione al comune di Roma.

INDICE :

Cosa si intende per lavori in economia?

cosa sono i lavori in economia
lavori in economia

Se in questo caso sei il proprietario di una casa, villino o appartamento, prima di procedere a l’esecuzione dei lavori di ristrutturazione in proprio, così detti lavori minori o in economia, dovrai accertarti di poterlo fare. Sono considerati lavori in economia, anche le operazioni in cui si ricorre ai lavoratori autonomi (lavorati senza dipendenti nè datori di lavori):

per lavori in economia si intendono quelli svolti “senza ricorso ad imprese” (art. 31 DL 69/13 convertito con L 98/13 e s.m.i.)

Devo segnalarti che, in materia di lavori in economia con la cila, non esiste alcuna normativa diretta. Sono due i testi che, indirettamente, ci impongono dei limiti. Il D.lgs 81/2008, testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e il D.P.R. 380/2001, testo unico sull’edilizia.

Per comprendere al meglio l’articolo, ti riporto alcune definizioni utili riguardanti alcune figure che rientrano nel processo edilizio:
  • committente: il soggetto per conto del quale l’opera viene realizzata, quindi il proprietario, locatario etc.;
  • impresa affidataria: impresa titolare del contratto di appalto con il committente che può avvalersi di imprese subappaltatrici o di lavoratori autonomi;
  • datore di lavoro: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore dipendente (in genere il titolare dell’impresa)…

Quindi, nel caso di lavori in economia, il committente è il soggetto per conto del quale l’opera viene realizzata e, allo stesso tempo, veste anche i panni dell’impresa affidataria/esecutrice.

Scopriamo che, in questo caso vi è un vuoto legislativo. In particolare, quando un privato intende eseguire direttamente i lavori, il testo unico D. Lgs 81/2008, non individuando il datore di lavoro, non entra nel dettaglio.

L’entità dei lavori che si possono eseguire in economia è da considerarsi di modesta entità, ragion per cui non sono previsti oneri della sicurezza. Se si tratta di opera che non determinano cambiamenti di volumetria o modifiche sostanziali di tipo edile dell’abitazione, o di lavori che non producono pericoli tra gli attori, è possibile svolgerli in totale autonomia.

Inoltre per lavori in economia con la Cila, non dovrai intervenire su tutte quelle attività di cui è obbligatorio il rilascio della dichiarazione di conformità alla regola d’arte. In questi casi, chi realizza l’opera, deve essere in possesso dei requisiti di cui al D.M. 37/2008. Ad esempio, non potrai agire sull’impianto elettrico, gas di cottura, riscaldamento, raffrescamento, evacuazione fumi ecc.

Edilizia libera: si possono realizzare i lavori in economia con la cila a roma?

inviare cila senza impresa
inviare cila con lavori in economia

Come già anticipato al punto è possibile realizzare i lavori in economia con la Cila a Roma a patto che gli stessi non interferiscano con l’impianto elettrico, idrico, del gas e termico, in buona sostanza si possono eseguire necessariamente interventi marginali, in alternativa potresti farti coadiuvare da un impresa o una ditta che abbia i requisiti per legge per intervenire sugli impianti e nel rilascio dell’apposita certificazione a norma di legge degli impianti interessati.

Per quanto concerne i lavori in economia con la Cila a Roma al Suet (Sportello unico edilizio telematico) di Roma Capitale ammette una spunta per i lavori in economia, escludendo dunque il proprietario nell’incaricare un impresa edile cha abbia regolare Durc.

Forse può interessarti anche l’argomento come compilare e presentare una cila al Suet di Roma? clicca per approfondire

Quali interventi posso realizzare in economia con la Cila?

Sintetizziamo alcuni lavori in economia con la cila a Roma, tra i più comuni che interessano la ristrutturazione di un appartamento, chiaramente in assenza di impresa esecutrice e in economia: demolizione e ricostruzione di spallette e porzioni di tramezzature non portanti, ammesso che su questi elementi e su quelli di nuova fattura non vi sia traccia di alcun impianto (quindi non devono esserci neanche prese elettriche, del telefono od altro, nè sul muro da demolire, nè debbono essere previste su quello nuovo); spostamento di una porta lungo un muro; demolizione e ricostruzione di rivestimenti parietali; sostituzione di infissi; sostituzione di pavimentazioni esterne.

Di seguito per semplificare ho redatto un elenco sintetioco dei lavori che rientrano e non rientrano tra quelli dichiarati in economia.

Lavori in economia con la Cila a Roma:

l'edilizia libera con la cila roma
lavori in economia in edilizia libera
  • Demolizione e ricostruzione di porzioni di muratura o tramezzi non portanti che non interferiscano con gli impianti esistenti;
  • Opere in cartongesso;
  • Spostamento, chiusura o apertura di un vano porta interno su muratura non portante;
  • Demolizine di pavimenti e sottofondi, compreso anche i rivestimenti di cucina e bagni, e rifacimento degli stessi.

Lavori non in economia con la Cila a Roma:

  • Modifica o rifacimento di un impianto elettrico;
  • Modifica o rifacimento di un impianto idico;
  • Modifica e rifacimento di un impianto del Gas;
  • Modifica e rifacimento di un impianto di riscaldamento
  • Opere strutturali.

È obbligatorio o facoltativo il direttore dei lavori con la cila?

Dunque prima di tutto è bene fare una premessa, per quanto riguarda la cila a Roma, in quanto opere è riconducibile in manutenzione straordinaria che con la nuova normativa rientra nelle attività dell’edilizia libera, con obbligo di trasmettere al comune di Roma la comunicazione inizio lavori asseverata.

Per quanto concerne l’obbligo del direttore dei lavori vale come per i lavori in economia con la Cila a Roma, trattandosi di Edilizia Libera, la NOMINA DEL DIRETTORE DEI LAVORI E’ FACOLTATIVA e di conseguenza la Cila non necessita obbligatoriamente di fine lavori e collaudo, mentre va va sempre aggiornata la planimetria con la presentazione di un accatastamento in variazione catastale all’Agenzia delle Entrate una volta ultimati i lavori di ristrutturazione edilizia.

Forse ti potrà interessare anche l’articolo variazione catastale per planimetria mancante a Roma.

Mentre per la Cila risulta obbligatoria la nomina del PROGETTISTA il quale dovrà asseverare la natura degli interventi riconducibili nell’ambito della manutenzione straordinaria, il rispetto dell’inquadramento urbanistico e degli eventuali vincoli.

Se vuoi approfondire meglio l’argomento sull’obbligo del direttore dei lavori per i lavori riconducibili in Cila ho scritto un articolo specifico che tratta la materia al dettaglio, clicca qui per approfondire.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *