CONTATTACI PER UN PREVENTIVO GRATUITO

La SCIA(Segnalazione Certificata di Inizio Attività) è una pratica amministrativa che permette di avviare o iniziare diverse tipologie di attività, intese come: inizio attività commercialiinizio lavori edili o anche attività soggette alla prevenzione incendi. Perciò per aprire un negozio è necessario presentare una SCIA “inizio attività commerciale“, per fare lavori edili come una finestra si presenta una SCIA “edile”, oppure se bisogna fare la prevenzione incendi per una centrale termica si presenta una SCIA ai “Vigili del Fuoco”.

SCIA: Quando va presentata?

La SCIA deve essere presentata prima dell’inizio (o della modifica, sospensione, ripresa, cessazione) dell’attività. Alla data di presentazione è necessario che il richiedente sia in possesso di tutti i requisiti soggettivi e oggettivi necessari per avviare l’attività.

Per quali attività bisogna presentare una SCIA?

Sono soggette alla presentazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività le seguenti attività economiche:

  • Commerciali, quali per esempio attività di somministrazioni di alimenti(bar, ristoranti, ecc…)
  • Turistiche
  • Produttive ed artigianali
  • Agricole

Sono escluse dalla presentazione della SCIA:

  • i laboratori artigianali fino a 3 addetti adibiti a prestazioni lavorative e che non producano, con impianti o macchine, emissioni in atmosfera (ad esempio il calzolaio, il sarto,…)
  • le realtà soggette a vincoli ambientali, paesaggistici o culturali
  • le attività per le quali non sussiste una puntuale e precisa previsione normativa o regolamentare (come ad esempio le attività economiche a prevalente carattere finanziario).

A titolo esemplificativo, possono sono esclusi dalla presentazione della SCIA il calzolaio, il sarto, l’elettricista e il riparatore TV.

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO GRATUITO

Presentazione della SCIA:

La Scia va presentata, con un preavviso di trenta giorni rispetto alla data di inizio lavori, dal proprietario dell’immobile o da chi abbia titolo per farlo, che vi provvederà attraverso lo sportello unico e presentando la segnalazione con una relazione dettagliata a firma di un progettista abilitato e con gli opportuni elaborati progettuali. Attraverso tali ultimi documenti, infatti, viene asseverata la conformità delle opere che si intende realizzare agli strumenti urbanistici approvati e il rispetto delle norme di sicurezza e igienico-sanitarie.

Gli eventuali atti o pareri di organi o enti appositi o l’esecuzione di verifiche preventive sono prodotti mediante autocertificazione o mediante attestazioni e asseverazioni o certificazioni di tecnici abilitati (salvo alcuni casi specifici, come ad esempio quello dei vincoli relativi all’assetto idrogeologico, ambientali, paesaggistici o culturali).

Infine, la Scia va corredata dall’indicazione dell’impresa cui si intende affidare i lavori.

La durata massima per una segnalazione è pari a tre anni e, per la parte di intervento eventualmente non ultimata, è necessaria una nuova segnalazione. In ogni caso, l’interessato deve comunicare allo sportello unico la data di ultimazione dei lavori.

Una volta presentata la Segnalazione Certifica di Inizio Attività, l’ufficio di competenza ha 60 giorni (30 per le attività edilizie) per verificare la domanda e la veridicità dei requisiti e autorizzare l’attività, richiedere omologazione o interromperla e applicare le relative sanzioni.

Al momento della presentazione della domanda ricevi una ricevuta che riporta il numero del protocollo e vale come conferma della consegna del documento.

Poi usare poi questo numero per controllare lo stato della tua richiesta attraverso l’apposito portale messo a disposizione dalla Regione.

LINK PERTINENTI:


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *